IL CALAMONDINO – “Mandarino Nano”

FAMIGLIA

Cytrus

FIORITURA

Tutto l’anno

PRODUZIONE

La pianta è sensibile al freddo estremo o prolungato e quindi è limitata ai climi tropicali e subtropicali. In alcune regioni è coltivato in vaso in modo da poterlo trasferire al coperto durante il periodo invernale. Nella sua zona di origine, il calamondino cresce bene in suoli sabbiosi, ricchi di sostanza organica, a quote elevate e senza ristagni. Le piante innestate danno frutto in uno o due anni dopo l’impianto e sopravvivono per quaranta anni e oltre.

DISTRIBUZIONE

Il calamondino è ampiamente coltivato nelle Filippine, in Malaysia e anche nelle parti settentrionali della vicina Indonesia e nella Cina meridionale. Nelle Filippine, è disponibile durante tutto l’anno e si trova comunemente nella forma acerba, non completamente maturo. Quando lo si lasci giungere a completa maturazione, assume un colore arancio mandarino.

UTILIZZO

In cucina i frutti sono generalmente aspri e sono usati soprattutto per la cottura. Il calamondino porta dei frutti usati per insaporire cibi e bevande, malgrado l’aspetto esteriore e l’aroma, il sapore del frutto stesso è piuttosto aspro, anche se la buccia è dolce. Consumare il frutto intero dà una sorprendente sensazione di dolce e aspro. La marmellata di calamondino si ottiene nello stesso modo in cui si produce quella d’arancia e, come tutti gli agrumi, anche il calamondino è ricco di vitamina C. Il frutto può essere surgelato e usato intero come un cubetto di ghiaccio per insaporire bevande come il te, l’acqua o i cocktails. Dai frutti interi, si ottiene anche un liquore, che si usa in combinazione con vodka e zucchero. Nei paesi asiatici orientali, il succo del frutto ancora un po’ acerbo è usato per condire il pesce, l’anatra e il maiale. Nella cucina filippina, in particolare, è molto comune nei piatti come gli spaghettini di riso (pancit) e nel congee, oppure come salsa sawsawan fatta di “calamansi juice“e di salsa di soia, per i pesci, gli involtini primavera, i ravioli al vapore e vari tipi di carne. Il frutto è usato in alcune preparazioni locali dell’Indonesia settentrionale, particolarmente nell’area di Sulawesi settentrionale. I pesci sono spruzzati con il succo prima di essere cucinati per eliminare l’odore “di pesce”. Il kuah asang (“zuppa acida”) è un brodo chiaro di pesce insaporito con il succo di calamondino. Il calamondino possiede una quantità rilevante di oli essenziali nella buccia. Il metodo più comune per l’estrazione è quello della distillazione in corrente di vapore, alternativamente si usa la pressatura a freddo o la centrifugazione. L’olio essenziale di calamondino – oltre a alcuni usi terapeutici locali – è ampiamente utilizzato come sostituto dell’olio essenziale di limone o di lime.

Lascia un commento